BUONA PASQUA

 

5/4/2015 – 9:46

 
 
Auguri a tutti i Cittadini e in particolar modo, logicamente, ai Migliarinesi da parte del Comitato ASBUC che li invita alla prossima assemblea alla quale seguirà l’inaugurazione tanto sospirata e sofferta dell’intero Polo Sociosanitario.
Scusate il ritardo ma la Festa dell’Inaugurazione segue le modalità della Santa Pasqua: è una festa mobile!
Le sedie sono pronte, ora mancate Voi.
A breve saranno ufficializzate le date.

Un Buon Incontro

 ASBUC Migliarino 23/03/2015

 ” href=”http://www.lavocedelserchio.it/public/imgcache/8f/7848d6750420749dada4e0d8ce4704.jpg”> 

 
La serata del…tanto!
C’era tanta gente, una novantina, cosa che non si vedeva da tanto tempo.
Tanti erano coloro che hanno parlato, e parlato tanto, e a nome di tantissime persone che rappresentavano:  l’ASBUC, la Cooperativa PAIM, la Pubblica Assistenza, la Società della Salute, il Comune.
Tanta l’attenzione in sala nell’ascoltare le tante proposte che i gestori e gli amministratori di questo edificio-struttura-polo (che tutti dicono che è: tanto!) hanno pubblicizzato e promesso di portare a termine.
Tanti anche gli interventi che il pubblico ha fatto sulla serata e tutti ben strutturati e ben accolti, a cominciare da Ghelardi con il suo giusto pensiero che Migliarino non abbia un ritorno di servizi ma solo un’uscita di denaro, Tolaini che esalta orgogliosamente il fatto che Migliarino dia i suoi servizi di eccellenza a tutta la popolazione vecchianese e no (applauso), Mina che esorta a continuare sulla partecipazione di gestione e amministrazione per una crescita sociale ed economica rivolta alla frazione affinché Migliarino non disperda  quello che è stato costruito in questi anni di così duro lavoro, l’inaspettato Marco che punta il dito sul fatto che Migliarino ha finalmente un qualcosa in più ma non i giovani che non hanno mai avuto tanti aiuti per le loro necessità di aggregazione e si aspettavano una loro piccola parte di questo bene invece solo rivolto a sanità e anziani (applauso) e Giunta che chiude con la speranza che tutto quello che era “la spinta” al comitato Asbuc su socializzazione e sanità non si limiti solo a quanto detto stasera ma vada oltre.
Grazie agli oratori, ai partecipanti e ai “commentatori”.
Era davvero tanto tempo che non si gustava una serata così “tanto spolemizzata”.
L’aria era tanto serena e fresca, come quella di fuori!
 

INCONTRO

 

L’ASBUC di Migliarino in  collaborazione con il  Consiglio di Frazione
Presenta ai Cittadini
Il nuovo  polo socio sanitario dell’ASBUC di Migliarino
 
Il giorno 23 marzo alle ore 21.15 presso il Teatro del circolo Arci di Migliarino, si terrà l’incontro  pubblico per la presentazione delle attività e i servizi che saranno svolti nel nuovo Polo socio sanitario di proprietà della comunità migliarinese.
I progetti inerenti le attività socio-sanitarie previste  saranno illustrati direttamente  dai due futuri gestori: la Cooperativa sociale PAIM e  la Pubblica  Assistenza  di Pisa.  I due soggetti sono stati individuati da una commissione giudicatrice, composta  dai  membri dell’ASBUC  di Migliarino e i rappresentanti del Consiglio di Frazione, dopo un lungo percorso  di confronto con i vari soggetti interessati, le istituzioni e le diverse associazioni del luogo, alla ricerca della migliore soluzione nell’interesse dei cittadini.

 

Introduce i lavori la Presidente ASBUC_ Laura Mazzanti

 

All’incontro interverranno:
Il Sindaco di Vecchiano_Giancarlo Lunardi
Il Presidente della Cooperativa sociale PAIM_ Giancarlo Freggia 
Il Presidente della Pubblica Assistenza di Pisa_ Daniele  Vannozzi
 

Vi aspettiamo numerosi

 

Chi la dura la vince

ASBUC
MIGLIARINO: un nuovo “c’è sempre una prima volta”

 

4/12/2014 – 18:19

 
 Buonasera ai migliarinesi.
È parecchio tempo che l’ASBUC locale non si fa sentire e questo ha fatto lievitare al massimo i commenti, pane dei polemici e di coloro che non si fanno mai vedere in sede ma solo sentire in strada.
Girano in paese notizie di abbandono dell’opera, di mancanza di idee nel comitato, di lotte di potere, di ogni perfida maldicenza e meno male non c’è nessuno che dice che ci sono state appropriazioni indebite e manovre mafiose che è tanto di moda.
Ce ne è una però che è da ridere, quella che dà per finito l’edificio da un sacco di tempo e che non è stato assegnato a nessuno vanificando i soldi e il tempo perso, roba da chiamare “striscia”: da riderci perché incazzarsi farebbe il loro gioco!
Cari paesani, Acque spa ha impiegato mesi per decidere se scavare o no per lo scarico acque nere dopo avere cambiato gli incartamenti e preteso i disegni svariate volte, Enel ha messo al buio per una settimana una struttura che “avrebbe potuto già ospitare anziani” (loro non lo sapevano certo) perché non “trovavano” più una bolletta pagata di giugno (4.200 euro!), Telecom non allacciava la linea telefonica perché dovevano deliberare la spesa per il taglio della strada dato che la canalizzazione passa dall’altro lato e i lavori necessari sono a loro carico …e questo è disservizio ASBUC?
Come già è stato scritto in un articolo precedente a proposito della “Festa celtica” di Via dei pini a titolo “c’è sempre una prima volta” anche questa volta ripeto il “c’è sempre una prima volta” perché, questa volta, a Migliarino, si è fatto, lasciamoci alle spalle il passato di arrabbiature, un lavoro mai visto nel nostro comune, nella provincia e nell’Italia intera: due enti diversi che tagliano e scavano nello stesso momento in una strada per fare due lavori in sincronia!
Mai visto prima d’ora!
Grazie forse all’ufficio tecnico del comune, alla modernizzazione delle sinergie, al natale che si avvicina (?), alla rottamazione dei vecchi metodi clientelistici, poi non so, fatto sta che in tre giorni lavorativi si è tagliato scavato allacciato steso tubi richiuso e asfaltato quello che impediva di dire FINE ai lavori.
Ora il Polo sociosanitario è completo, finalmente si terminano i collaudi e dalla prossima settimana potremo pisciare e telefonare, anche se meglio non contemporaneamente.

Trappoino ci vorrà la raccomandazione

MIGLIARINO: ASBUC
oggi 4

25/10/2014 – 23:02

 
 

Un altro sabato di volontariato al centro ASBUC e siamo a cantare con Vianello e il suo Hully Gully, quello dei watussi, quello che prima era solo, poi tre e oggi ben quattro.
Non vogliamo arrivare a dieci come nella canzone, ma qualche altro farebbe comodo, specialmente verso i primi di dicembre, appena prima dell’inaugurazione del centro che verrà a chiudere il lungo viaggio dei comitati asbucchiani di questi ultimi tormentati anni di vita migliarinese.
Non faccio i nomi dei “quattro amici al prato”, non importa, erano paesani, non comunico neppure le associazioni e gli esercenti che hanno permesso la sistemazione di una “Terrazza degli agrumi”, come amo chiamarla, chi salirà al giardino vedrà la targa che li ringrazia, per ora godetevi la pulizia dell’area a verde e la vista di bei pomi, verdi per ora, che si affacciano sul paese.
Seguiranno ovviamente le modalità della consegna al paese del magnifico edificio.

 

I Num. Civici giocateli

MIGLIARINO: ASBUC
I numeri.

 7/10/2014 – 22:41

 

 

 Siamo i primi, siamo il numero uno!
Su questo nessuno può dire che non sia vero, poi vedremo se ci saranno altri punti che dimostreranno la nostra posizione in cima a qualche altra scala di valori.
Numero 1 in via Salvo D’Acquisto  per indicare l’ingresso della sede ASBUC e l’accesso al primo piano e/o terrazzo, numero 59 riservato all’ingresso del Centro anziani e numero 61 per le attività che occuperanno il piano superiore.

 A proposito del terrazzo, i primi acquisti di agrumi da parte delle associazioni migliarinesi e attività presenti in paese che hanno fatto una donazione, sono ben visibili e godono di ottima salute.
Se qualche altra Associazione, come già richiesto in un appello precedente su questa sezione,  volesse donare qualche pianta per abbellire la grande “Terrazza degli agrumi”, lo faccia al più presto perché la targa dei ringraziamenti deve essere terminata e posizionata a giorni.
Grazie a nome del Comitato e di tutta la popolazione. 

L’ASBUC di Migliarino all’EXPO RURALE di Firenze

MIGLIARINO-FIRENZE
L’ASBUC di Migliarino all’EXPO RURALE di Firenze

22/9/2014 – 21:44

 
È passato un anno da quando l’ASBUC di Migliarino si è fatta conoscere in Toscana come qualcosa di diverso della semplice  “tenutaria” di una vasta zona di terreno coltivato a chissacchì e da chissacchì.
Supportati dalla Regione, che ci controlla e tutela, l’anno scorso fu presentato un progetto di coltivazione di grano antico Senatore Cappelli e della sua trasformazione in pasta, una pasta speciale con un nome speciale: Pasta civica, la pasta degli Usi Civici.
I migliarinesi, e anche tanti fra gli abitanti del comune, conoscono le sue qualità organolettiche e la sua bontà e da ieri, domenica 21, anche i fiorentini saranno in coda per assaggiarla.
L’Expo Rurale Toscana 2014, con il bellissimo sottotitolo Coltivare la memoria, nutrire il futuro, ci ha ospitati in un grande stand dedicato agli Usi civici dove ognuno raccontava la sua storia in un settore detto: Volti, racconti, esperienze.
L’ ASBUC di Migliarino ha presentato il Progetto Pasta Civica, accolto con entusiasmo e presentato dalla sua presidente Laura Mazzanti e dalla giornalista Rosanna Ercole Mellone. (foto 1, 2, 3 e 4)
Commovente la poesia (foto 5) appesa nello stand e che racconta bene che cosa è cambiato nel mondo della terra e speriamo che la massa dei visitatori, migliaia e migliaia nei 4 giorni di apertura dell’esposizione come milioni erano i moscerini che volavano sulle teste, oltre che essere attirati dalla degustazione gratuita e continua di panicacci fatti e cotti allo stand (foto 6)  siano coscienti di quanto siano vere quelle parole (foto 8 e 9).
Cavalli, tanti cavalli, lezioni e degustazione di birra artigianale, di pesci pescetti e vita del mare, canti popolari di contadinelle, lavori di attrezzi da contadini, alta cucina dove la tv è di moda e centinaia di altri interessantissimi laboratori (foto da 10 a 15).
Tutto questo però non ci ha fatto dimenticare cosa c’è nel nostro programma e cioè il grande lavoro, giunto ormai al traguardo,  del Polo sociosanitario e della sua prerogativa: il Centro diurno per anziani.
Non era l’agricoltura, neanche la zootecnia e nemmeno i prodotti alimentari quello che ha attirato decine e decine di “anziani alquanto” alle Cascine, ma la voglia di stare insieme e viver felici gli ultimi anni e perché non ballando?
Li abbiamo tutti invitati al nostro Centro Anziani!
Ho nascosto loro che la dizione vera è: “non autosufficienti” altrimenti mi ci avrebbero fatto entrare prima me!